L’arte, le lucciole e l’ombra [frammento]

«L’arte è immagine dell’ombra: insegue ciò che non può catturare, persegue miraggi. La notte tricefala dei greci – notte che plasma (Morfeo), che intimorisce (Fobetore) e si libra nell’immaginazione (Fantaso) – è evocata perché i poeti cercano, in essa, con le luci della trasfigurazione, il racconto dell’ombra. Senza continuità di causa, perché le motivazioni, talvolta generate da bisogni antinomici, non concepiscono altra verità che la propria; né soluzione di continuità, ché si tratta pur sempre di frammenti, abbandonati al proscenio impudico del desiderio.»

— Stéfano Pérez Tonella

Altri frammenti


This slideshow requires JavaScript.

Alcune immagini di Eikoh Hosoe


COPYRIGHT DISCLAIMER [vd. nota completa] Le immagini e i testi riprodotti in questa pagina, per soli scopi didattici e di ricerca, si attengono a quanto previsto dalla normativa vigente in tema di diritto d’autore (art. 70, L. 22 aprile 1941, n.633 e succ. mod.)