I. della Mea canta l’«Internazionale» (trad. di F. Fortini)

A proposito della traduzione di Franco Fortini

I. della Mea canta l'«Internazionale» di F. Fortini: Questa lotta che è uguale / l'uomo all'uomo farà / e l'Internazionale  / fu vinta; vincerà!

«… chi ha compagni non morirà.»

 

Questo pugno che sale
questo canto che va
è l’internazionale
un’altra umanità.

Questa lotta che è uguale
l’uomo all’uomo farà
e l’Internazionale
fu vinta; vincerà! 

Noi siamo gli ultimi di un tempo
che nel suo male sparirà
qui l’avvenire è già presente
chi ha compagni non morirà.

Al profitto e al suo volere
tutto l’uomo si tradì
ma la Comune avrà il potere
dov’era il “no” faremo il “sì”

Questo pugno che sale
questo canto che va
è l’internazionale
un’altra umanità.